Lavenone


Lungo la Valsabbia, costeggiando il fiume Chiese, si incontra il Comune di Lavenone, grazioso centro abitato alle porte del Lago d’Idro. Il borgo sorge ai piedi delle Piccole Dolomiti Bresciane, una graziosa cornice che si impone su un paesaggio tipicamente prealpino.
Il Comune conta poco meno di 600 abitanti ed è la meta ideale per trascorrere un soggiorno lontano dal caos e dalla frenesia della città, immersi nella quiete della natura.
Il fiume Chiese percorre placido il fondovalle, accompagnato da una vegetazione a pioppi e salici che con le loro fronde accarezzate dalla brezza estiva animano l’intorno.
Le case si innalzano lungo il pendio, con balconi e solai in legno che ornano le tipiche facciate.
Nei pressi di Lavenone si rinvengono le testimonianze di un passato produttivo basato sull’artigianato del ferro: nelle vicinanze della contrata trasabiù una fucina del rame rimane a memoria di questa storia, esponendo paioli, forge e magli con cui veniva lavorato il rame.


Alle spalle del paese le Piccole Dolomiti di Vaiale invitano il visitatore ad addentrarsi in un territorio che assomiglia più alle Dolomiti Trentine e Venete che alle Prealpi Bresciane. Percorrendo il torrente Abbioccolo si giunge alle frazioni di Presegno e Bisenzio, ultimi insediamenti abitati che sorgono timidi sotto le creste calcaree del Dosso Alto e della Corna Blacca.

 




In alto i mughi punteggiano le pareti di roccia salendo fino alle cime.
Dalle frazioni si snodano itinerari a piedi e in bicicletta che portano l’escursionista a godere di panorami suggestivi sulle Alpi Retiche, sul Trentino e sui monti della Valvestino. Nelle vicinanze di Presegno la celebre Ippovia dell’Adamello-Garda offre passeggiate naturalistiche..in sella!